<chiudi pagina>

English Version

 
MIMOS, le origini, la storia
 

info@mimos.it

Nel corso del 1999 un piccolo gruppo di operatori italiani del settore "simulazione" si incontrò informalmente a Torino, presso Alenia Aeronautica, e convenne sull'opportunità di sviluppare la conoscenza reciproca, la diffusione di informazioni e lo scambio di esperienze fra quanti, su scala nazionale, fossero interessati alla cooperazione nell'ambito della simulazione applicata.

Il 3 maggio 2000 si tenne, presso il Nuovo Campus dell'Università' di Genova, una seconda giornata di incontro sponsorizzata dal DIP (Dipartimento Ingegneria della Produzione) Università degli Studi di Genova. Al meeting intervennero rappresentanti di associazioni, organizzazioni internazionali, industrie, enti governativi e del mondo accademico. Il nutrito numero di partecipanti ed il successo riscosso suggerirono di proseguire nell'iniziativa perseguendo, fra l'altro, un perfezionamento nella definizione delle sue finalità.

L'attualità e l'interesse per la tematica simulazione in Italia vennero, tra l'altro, confermati nel corso del convegno "Virtuality 2000", organizzato a Torino in ottobre dal Virtual Reality & Multi Media Park e, successivamente, nel corso del workshop internazionale "Virtual prototyping in ship design" organizzato dal CETENA a Genova.

Il 13 marzo 2001, per iniziativa di Alenia Aeronautica con la collaborazione del DIP dell'Università di Genova, si svolse a Torino, negli stabilimenti della stessa Alenia,

il 3° Workshop italiano sulla Simulazione.

A questa terza edizione intervennero circa ottanta operatori del settore, provenienti da tutta Italia, appartenenti ad Università, Centri di ricerca, Enti governativi in rappresentanza di tutte le Forze Armate ed organismi industriali di vari settori. Questi ultimi si estendevano dal settore aeronautico e spaziale a quello automobilistico, da quello navale a quello della grande distribuzione.

Dopo l'introduzione e gli interventi di numerosi oratori la parte conclusiva dei lavori si concentrò sulla discussione circa l'opportunità di rendere sistematico e più incisivo questo tipo di incontri, costituendo una vera e propria Associazione fra gli operatori ed utenti italiani del settore volta a promuovere in Italia il dialogo fra tutti gli operatori stessi favorendo lo scambio di informazioni, la promozione di attività di ricerca ed universitarie, la collaborazione industriale, l'individuazione di esigenze formative specifiche e l'armonizzazione dei requisiti degli utenti.
Si convenne sul fatto che, in tale contesto, almeno inizialmente, il termine "simulazione" dovesse essere inteso nell'accezione più ampia includendo, oltre al tradizionale e più conosciuto ambito dei simulatori di volo e di guida, l'intero settore in forte sviluppo della cosiddetta realtà virtuale, del "Synthetic Environment", della modellazione di fenomeni e di ambienti virtuali i più disparati.
Fu quindi costituito un comitato promotore con l'impegno di preparare lo statuto e l'architettura della costituenda associazione da presentare in ottobre in occasione del convegno Virtuality 2001 a Torino.
La giornata concluse con la visita alle facilities di simulazione di Alenia Aeronautica, in particolare ai nuovi simulatori del C-27 J e dell'Eurofighter "Typhoon", con l'appuntamento a "Virtuality 2001", nell'ottobre 2001 a Torino.

29 ottobre 2001: Nasce informalmente MIMOS
Movimento Italiano MOdellazione & Simulazione


In occasione del Simposio Tecnico Scientifico su Simulazione e Tecnologie di Realtà Virtuale, che si tenne a Torino dal 29 al 31 ottobre nell'ambito di Virtuality 2001, fu presentata informalmente la nuova Associazione MIMOS (Movimento Italiano MOdelling & Simulation). La discussione che seguì alla presentazione da parte del Comitato promotore riscosse l'approvazione corale dei presenti, a conferma di quanto già ampiamente emerso dall' analisi dei questionari a suo tempo circolati nell'ambiente. Pertanto, sebbene la formalizzazione ed il riconoscimento dell' associazione richiedessero ancora del tempo anche per ragioni procedurali, MIMOS fu da allora ritenuta di fatto costituita facendo riferimento alle seguenti

Finalità dell'Associazione:

-
Promuovere la diffusione di una cultura della simulazione in Italia, mettendo in comune fra gli associati le esperienze e le conoscenze disponibili e favorendo, nel contempo, lo sviluppo di una adeguata sensibilità sui vantaggi potenzialmente derivanti dall'impiego delle tecnologie connesse
-
Diffondere armonicamente e capillarmente l'informazione su scala nazionale, anche attraverso la promozione di eventi mirati; porsi, ove possibile, come interlocutore nei confronti di ambienti internazionali affini.
-
Favorire lo scambio di esperienze e di competenze fra gli interessati ad un determinato settore; incoraggiare il trasferimento di competenze fra settori diversi, l'individuazione di aree di interesse prevalente e lo sviluppo di iniziative di partnership.
-
Favorire un più efficace dialogo fra Università e Industria sulle tematiche in oggetto, incoraggiando e promuovendo iniziative comuni; supportare gli ambienti universitari nell'identificazione di esigenze formative e di ricerca prioritarie per il settore.
-
Favorire un più ampio coinvolgimento delle istituzioni civili e militari nelle iniziative nazionali sulla simulazione, anche allo scopo di ricavarne indirizzi non impegnativi ma utili per lo sviluppo di applicazioni atte a soddisfarne requisiti futuri.
-
Evolvere come centro riconosciuto di competenza e collaborare con gli enti nazionali e internazionali preposti alla standardizzazione e alla certificazione di metodologie, criteri e strumenti di simulazione tenendo anche in debita considerazione il sistema qualità.

Il Comitato Promotore di MIMOS era composto dai Soci fondatori, rappresentanti dell'Industria, dell'Università e di Centri di ricerca (Alenia Aeronautica, Centro Ricerche FIAT, Cetena-Fincantieri, Datamat Ingegneria dei Sistemi, Euclida Logistica Ipercoop, No Real, Politecnico di Torino, S.I.A. Società Italiana Avionica, Università di Genova). Sostenuto anche da osservatori esterni dell'ambiente governativo, il comitato ha quindi operato nella definizione delle modalità operative e del regolamento associativo.

La definitiva formalizzazione

Il 5 marzo 2002, presso Alenia Aeronautica, ad un anno di distanza dalla prima proposta di istituire l' iniziativa, MIMOS vede la definitiva formalizzazione con la sottoscrizione dell'atto costitutivo e l'elezione delle cariche sociali.

torna su

 

MIMOS, its origins and history

 

MIMOS has been created from an initiative of a group of Italian operators in the simulation field; during an informal meeting held in February 2000 in Turin, they agreed on the opportunity to increase the knowledge on Modelling and Simulation in Italy by exchanging reciprocal experiences. The idea was to proceed with the creation of a National Association on Modelling and Simulation acting as a reference point for all Companies, Organisations and Users involved, in any way and form, in such a field.

The term Simulation is considered in a wide sense, including, besides the traditional training systems such as flight, driving and ship manoeuvring simulators, those, in quick development, related to Virtual Reality, Synthetic Environment and Virtual Prototyping, and to software modelling in the broadest applications.

The Association, born on March, 5th 2002, comprises members from Industry, Research Centres, Universities, and Military Organisations.

Beside their founders (Alenia Aeronautica SpA, Centro Ricerche FIAT, Cetena-Fincantieri, Datamat SpA, Euclida Logistica Ipercoop, No Real, Politecnico di Torino, S.I.A. Società Italiana Avionica, Università di Genova Dip. di Ingegneria della Produzione), MIMOS numbers more than seventy individual members and several Corporate Members (Organisation supporting the initiatives of the association): D’Appolonia, Tess-Com Italia, BARCO, Silicon Graphics Italia, Otto, Alenia Spazio, Università di Bologna, Liophant Simulation Club, TGS Italia, Elsevier, Laser Navigation and many others have already expressed their interest to MIMOS. A promising start considering that MIMOS has less than two years of life!

 

MIMOS’s Terms of Reference include:

 

·                To promote the diffusion of the simulation culture in Italy, putting as a common factor the experiences and the knowledge of its members, facilitating, at the same time, the development of an adequate sensitivity on the advantages deriving from the employment of the related technologies.

·                To thoroughly disseminate the information at national level, by means of dedicated events; acting, as far as possible, as a speaker in relevant international contexts.

·                To facilitate the exchange of experiences and competencies among the members interested on a specific sector, encouraging the transferring of experiences between different sectors, identifying main areas of interest and developing partnership initiatives.

·                To facilitate a more efficient dialogue between University and Industry on relevant topics, encouraging and promoting common initiatives; supporting University in the identification of educational and research needs in the simulation field.

·                To facilitate a wider involvement of the Institutions, both civil and military, in the simulation field to develop useful applications to fulfil future requirements.

·                To evolve as an Excellence Centre and co-operate with national and international agencies appointed for the standardisation and certification of methodologies, criteria and simulation tools, taking into account the quality system.

 

For more info visit www.mimos.it or contact the Secretary Office ( segreteria@mimos.it ),
tel. + 39 011 7562195  

documento PR0002 del 13 Gen 2004